ROSSI CONTRO JORGE…A PAROLE.

rossi040606.jpgdallo stato dell’ indiana Valentino Rossi non prende troppo bene la notizia della riconferma di Lorenzo in seno al team yamaha-fiat -non mi và di lavorare anche per lui- ha commentato il dottore riferendosi al fatto che lo spagnolo gode dei vantaggi di messa a punto di cui lui è artefice. -Potendo vorrei non trapelassero i dati- ha aggiunto un po piccato. La risposta di Jorge non si è fatta attendere -non é Rossi che fa il mio set up ma il mio capo-meccanico Forcada-. Insomma nel box si respira tensione e il merito è di Rossi che non perde occasione per rimarcare il suo ruolo in Yamaha anche quando lo fa con il suo manico. La sensazione è che la pressione psicologia che nel tempo ha piegato piloti come Gibernau e Stoner con Lorenzo non funzioni. Ma differenza degli altri due storici antagonisti del dottore lui ha un carattere tranquillo e decisamente compassato. E’ vero che Rossi in questi anni ha saputo catalizzare l’ attenzione su di se con belle vittorie ma è anche vero che parte del suo successo mediatico lo deve alle sue scenette post-vittoria e agli antagonisti da lui creati (il dualismo con Biaggi è nato dopo ripetute prese in giro del marchigiano verso il romano), la spallata a Gibernau che ruppe un buon rapporto, quasi amichevole, fu Rossi a darla. E non viceversa. Il sorpasso a Laguna Seca, al limite del regolamento e delle regole non scritte fra i piloti fu lui ad eseguirlo ai danni di Stoner e non viceversa.
Ora si ritrova a dividere l’ attenzione con uno spagnolo che proprio non vuol saperne di cedere alle sue pressione psicologiche.

ROSSI CONTRO JORGE…A PAROLE.ultima modifica: 2009-08-29T16:45:00+00:00da markoytek
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento