DE ANGELIS (DISOCCUPATO) SECONDO AD INDY

deangelis-1812627.jpgla bella prestazione del disoccupato di lusso De Angelis nello stato dell’ Indiana ha fatto storcere il naso a più di un appassionato che si è giustamente chiesto “ma perchè non ha mai guidato così durante tutta la stagione?”. Bhe i piloti sotto la tuta sono uomini che fanno un lavoro. Come insegnano i più elementari libri di autostima per dare il meglio di se bisogna essere motivati. Avere un obiettivo e inseguirlo. Nel caso di De Angelis (ma non solo), pilota privato, l’ obiettivo non è certo ne vincere ne arrivare sul podio ma chiudere in maniera dignitosa la stagione arrivando davanti ad altri privati e al proprio compagno di team. Ne converrete, cari lettori, che non si tratta di un grande obiettivo per uno sport che ti porta a rischiare potenzialmente la vita. Ma ecco che quando si è disoccupato arriva la giusta motivazione ovvero cercare un posto di lavoro e per farlo bisogna mettersi in mostra, lottare per scalzare gli altri piloti che vorrebbero la sella a cui ambisci. Un piccolo gran premio personale. De Angelis sotto la pressione di queste motivazioni ha dimostrato il suo valore. Il fatto che la stessa curiosa sorte sembra colpire anche Elias fa pensare che all’ interno del team Gresini manchi l’ ambiente ideale per trovare motivazioni adeguate gara dopo gara. Il fattore psicologio è di vitale importanza per ogni lavoratore ma lo è ancor di più per i piloti.

DE ANGELIS (DISOCCUPATO) SECONDO AD INDYultima modifica: 2009-08-31T21:02:00+00:00da markoytek
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento