BEVILACQUA MINACCIA IL RITIRO SE IL REGOLAMENTO NON CAMBIA…MA PERCHE’ NON CAMBIA MOTO?

checa test (2).jpgIl proprietario del Team Althea fa sentire la sua voce e minaccia il ritiro se il regolamento (che in questo momento penalizza le v-twin 1200) non verrà modificato. Una protesta che nasce dopo il fallimentare GP di Russia dove le Ducati in gara hanno perso la competitività mostrata in prova.

Sicuramente il manager laziale ha le sue ragioni anche se fatichiamo a capirle. Lui si è sempre dichiarato “libero” da Ducati, ha sempre smentito di essere il team ufficiale per la Casa bolognese che, ufficialmente, si sarebbe ritirata dalla WSBK.

Essendo libero potrebbe anche cambiare moto per il suo team. Ad esempio le BMW sembrano essere molto competitive, lo stesso possiamo dire di Kawasaki (una Casa che da sempre cerca team importanti) e anche le Aprilia satellite sembrano essere molto veloci (vedere la gara di Davies in Russia ad esempio).

Dato che Ducati corre “non ufficialmente” in WSBK, un eventuale ritiro del team Althea a cosa porterebbe? A non vedere nessuna 1199 Panigale il prossimo anno? Evento piuttosto irreale, anzi direi impossibile dato che attualmente la 1199 è il modello commerciale di punta del Marchio bolognese…

Bevilacqua ha davvero il potere di decidere le sorti di Ducati in WSBK, in attesa di Audi, sempre di si…

Insomma, tanto rumore per nulla…

BEVILACQUA MINACCIA IL RITIRO SE IL REGOLAMENTO NON CAMBIA…MA PERCHE’ NON CAMBIA MOTO?ultima modifica: 2012-08-31T10:28:00+00:00da markoytek
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento