CARA DUCATI: PUNTA SULLA SUPERBIKE E VENDI UNA 749 PANIGALE RS!

checa alstare 2.jpgDopo i più che positivi test di Phillip Island per la Panigale e i più che negativi test di Sepang per la GP13, un dubbio/domanda sorge naturale:

Cara Ducati, perchè non tornare li dove hai sempre vinto con tutte le tue moto (che hai sempre venduto e bene….) ovvero la Superbike e lasciare stare invece la MotoGP, categoria troppo ostica e forse (brutto da dirsi) troppo costosa per una piccola Casa bolognese che sfida reparti corse che nel tempo libero progettano robot…

Se ti serve fare sviluppo di tecnologie la Superbike è perfetta, se invece si vuol rovinare la propria immagine (già compromessa dopo il “caso Rossi”), allora la MotoGP è l’ideale!

Perchè se prima Rossi era nel mirino (colpa sua si diceva), ora Dovi dimostra che il progetto è fallimentare e Hayden lo dichiara pure pubblicamente. Quindi? 

Quindi forse meglio tornare sul prodotto commerciale/agonistico e dare alla Panigale una “piccola” versione dedicata alla Supersport (dove, cara Ducati, quest’anno ci sono 35 iscritti e 6 case presenti…), una piccola 749 Panigale RS magari, una moto che facesse rivivere i fasti delle 748SP/SPS/R e 749R.

E magari costruire anche una baby Panigale da 500cc e 140kg di peso…Una moto che in tanti chiedono. 

CARA DUCATI: PUNTA SULLA SUPERBIKE E VENDI UNA 749 PANIGALE RS!ultima modifica: 2013-02-18T20:48:31+00:00da markoytek
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “CARA DUCATI: PUNTA SULLA SUPERBIKE E VENDI UNA 749 PANIGALE RS!

  1. concordo nella parte in cui si propone un uscita dalla motogp, ma io dico che doveva uscire dal 2010 quindi non faccio testo…

    per la 749 panigale, purtroppo sono molto scettico per il semplice motivo che in passato bastava “semplicemente” mettere un motore di cubatura inferiore sul telaio della sorella maggiore… ora che il motore è elemento stressato della ciclistica è necessario riprogettare la moto da 0… se pur con le linee guida della 1199, con un investimento pari al costo della 1199 panigali che è stato di svariati milioni, ma la moto si dovrebbe vendere a metà prezzo quindi con un ritorno economico molto inferiore… infatti quasi nessuna casa tranne MV sta investendo nella categoria la honda è dal 2007 che ripresenta sempre la stessa moto, con pezzi in più di carena con qualche chicca in più con un frontale leggermente diverso, ma è sostanzialmente sempre la stessa moto… idem l’ R6 che dal 2006 è sempre la stessa, con qualche cosetta in più bronzine diverse scarico più lungo conretti d’sapirazione ad altezza variabile, ma sostanzialmente è sempre la stessa dal 2006
    l’unica è la kawasaki, che dopo dei modelli non azzeccatissimi negli ultimi 2 anni s’è ripresa a livello sportivo, con un ingente investimento, in cui hanno cambiato telaio e motore… (ma comunque sempre fedele alla linea base)
    l’altra casa che va in controtendenza è l’MV che ha fatto dietro un pesante investimento l’F3 ma a testimoniare il problema dei costi con lo stesso motore e telaio ha fatto 4 moto, la brutale 675 la brutale 800 la rivale e la f3 (infatti rivale e brutale 800 sono la stessa moto rispetto all’f3 solo con pistoni più grandi e corsa aumentata) per cui per poter rientrare dell’investimento hanno dovuto fare 4 moto…
    Per Ducati il problema è ancora maggiore, perchè ha una gamma già completa e (e quindi difficilmente rientrerebbe dell’investimento necessario per quella moto ad esempio con una scarenata o un motard) dovrebbe ripartire da zero, proprio perchè non può semplicemente modificare la 1199 per il problema del telaio… lo stesso motivo tiene Aprilia fuori dalle 600 perchè non possono semplicemente fare un motore più piccolo perchè nel telaio non ci andrebbe più e andrebbe ristudiato per mantenere la stessa guidabilità da riferimento e il gioco non vale la candela in termini di investimento, solo Audi per Ducati è una tenue speranza per il rientro nella 600

Lascia un commento