FINALMENTE L’ALFA 4C! SOLO 400 ESEMPLARI. 895KG E TELAIO IN CARBONIO!

alfa 4c le.jpgA Ginevra le italiane la fanno da padrone. Dopo il lancio della bellissima Ferrari “LaFerrari” anche un altro Marchio dell’orbita Fiat, Alfa Romeo, scopre una carta importante: la 4C!

Attenzione, dei 3.500 esemplari che verranno prodotti solamente 400 sono destinati al mercato europeo. 60.000 euro il prezzo (iva compresa) e due colori disponibili: il bianco che vedete in foto oppure il rosso. Gli interni in pelle e microfibra cambiano a secondo del colore, possiamo avere sedili neri con cuciture bianche oppure neri con cuciture rosse.

Ricco il catalogo degli optional con molte parti in fibra di carbonio per togliere ulteriormente peso alla 4C.

Rimanendo in tema carbonio il telaio, pesante appena 65kg, è una monoscocca in carbonio ed è un progetto di Dallara!

Il motore è il 1750 TBi turbo che già equipaggia la Giulietta Quadrifoglio Verde ma in questo caso il basamento è in alluminio e i cavalli sono 240 contro i 235 della QV.

Rispetto alla Giulietta la 4C dispone di un elettronica di gestione nettamente più evoluta e di un cambio TCT doppia frizione con funzione launch control oltre che di 4 mappe:

Alle classiche Normale, All Weather e Dynamic si aggiunge la Race che permette di guidare senza l’assistenza elettronica!

Torniamo al motore, il 4 cilindri in linea è posto in posizione posteriore centrale mentre la trazione è posteriore.

Grazie al peso molto ridotto di soli 895kg (ma è possibile ancora togliere qualcosina…) la 4C scatta da 0 a 100km/h in appena 4.5 secondi (la Giulietta li copre in poco più che 7 secondi per fare un paragone diretto) e supera i 250km/h.

Piccola nota tecnica che piacerà ai puristi: sulla 4C non troviamo alcun servosterzo e le ruote sono diverse tra anteriore e posteriore, troviamo infatti di serie una coppia di 17 anteriore-18 posteriori oppure 18-19 come optional.

FINALMENTE L’ALFA 4C! SOLO 400 ESEMPLARI. 895KG E TELAIO IN CARBONIO!ultima modifica: 2013-03-05T19:06:25+00:00da markoytek
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento