SUPERSTOCK 1000: PORTIMAO, ITALIA-FRANCIA 1-0! VINCE BADOVINI SU BMW

20102503BMWStock_G.jpgSe il buongiorno si vede dal mattino per Badovini e la BMW sarà un annatta molto “interessante”. La prima gara di campionato è stato a dir poco tirata e combattuta. Pronti via, Badovini e Berger (Honda Ten Kate) scappano lasciando un gruppo di “inferociti” giovani lottare per il terzo posto. Se la gara davanti è tattica con Ayrton e Maxime attenti a studiarsi in vista della volata finale, dietro è furiosa. Protagonisti di una serie di sorpassi al limite sono Baroni, Bussolotti, La Marra, Barrier, Baz e Giugliano (tutti italiani o francesi!),ed è proprio Baroni il primo a salutare la compagnia, colpito da un fortissimo attacco di trans agonistica non controlla più ne il suo manico ne le dita che dovrebbero (e dico dovrebbero…) frenare, sorpassa gli avversari come fossero fermi uno dopo l’ altro, finchè dando una bella manata al gas (una di quelle PER COME SI DEVE) si ritrovare a superare la propria moto…in volo, l’ incidente è più che altro coreografico e il nostro Baroni si alza poco dopo sicuramente pensando “peccato oggi vincevo…se stavo in piedi”. Un altro “fuori di testa” è Bussolotti che, anche lui, preso da trans agonistica si butta dentro tutte le curve con una cattiveria rara e assolutamente suicida. Arriverà lungo molte volte, ma che grinta! Non è da meno Baz (Yamaha) che trovandosi unico in pista con la R1 ha il dovere di tenere alto il nome della casa di Iwata, Loris dopo una prima parte di gara “tranquilla” decide di andare all’ attacco a pochi giri dalla fine, raggiunge e supera il francese Barrier (BMW) che però non molla il colpo. Si tratta di vedere chi ha la testa più dura e la manetta più pesante. Il duello per il terzo posto viene deciso da un errore di Barrier che, arrivando lungo, regala il podio ad un velocissimo Loris Baz. Saranno loro due a giocarsi il terzo posto assoluto di campionato. Ne vedremo delle belle.

Inizia l’ ultimo giro, la differenza di motore fra la BMW di Badovini e la Honda di Berger è imbarazzante. La quattro cilindri bavarese ha un motore impressionante, ridicolizza a più riprese il motore della CBR. Addirittura Ayrton si prende il lusso di affiancare e guardare in rettifilo Berger per poi farsi ripassare, il significato di questo gesto è chiarissimo “amico se mi vuoi battere oggi ti devi inventare qualcosa”. Berger è pilota di razza sa di non potersi giocare la vittoria in volata e all’ inizio dell’ ultimo giro attacca Badovini, il tentativo è deciso e arriva al momento giusto ma l’ esito non è quello desiderato, il francese arriva lungo alla staccata dopo il traguardo ed è costretto a guardare con rabbia Badovini sparire fra le curve di Portimao…La vittoria è dell’ italiano. Ma siamo solo all’ inizio…

banner-piccolo-02.jpg

1  86 Badovini A. (ITA) BMW S1000 RR 21’18.245 (155,193 kph)
2  21 Berger M. (FRA) Honda CBR1000RR 2.744 
3  65 Baz L. (FRA) Yamaha YZF R1 13.154 
4  20 Barrier S. (FRA) BMW S1000 RR 13.800 
5   5 Bussolotti M. (ITA) Honda CBR1000RR 15.304 
6  47 La Marra E. (ITA) Honda CBR1000RR 15.861 
7  34 Giugliano D. (ITA) Suzuki GSX-R 1000 16.727 
8   8 Antonelli A. (ITA) Honda CBR1000RR 17.334 
9   9 Petrucci D. (ITA) Kawasaki ZX 10R 20.558 
10  30 Savary M. (SUI) BMW S1000 RR 22.386 
11  11 Tutusaus P. (ESP) KTM 1190 RC8 R 23.129 
12  69 Jezek O. (CZE) Aprilia RSV4 1000 29.915 
13  91 Walkowiak M. (POL) Honda CBR1000RR 37.183 
14  12 Vivarelli N. (ITA) KTM 1190 RC8 R 38.271 
15 119 Magnoni M. (ITA) Honda CBR1000RR 38.561 
16  99 Leeson C. (RSA) Kawasaki ZX 10R 44.991 
17  64 Andric D. (BRA) Honda CBR1000RR 47.171 
18  36 Thiriet P. (BRA) Honda CBR1000RR 52.936 
19 155 Dias T. (POR) Suzuki GSX-R 1000 K9 53.919 
20  89 Salac M. (CZE) Aprilia RSV4 1000 55.497 
21  55 Svitok T. (SVK) Honda CBR1000RR 55.558 
22  45 Sletten K. (NOR) Yamaha YZF R1 56.869 
23  66 Stoklosa M. (POL) BMW S1000 RR 1’19.684

SUPERSTOCK 1000: PORTIMAO, ITALIA-FRANCIA 1-0! VINCE BADOVINI SU BMWultima modifica: 2010-03-28T12:48:00+02:00da markoytek
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento