SUPERBIKE: IMOLA-TEST 1° GIORNO, IL RISVEGLIO DUCATI

290620101997.jpgSono partiti questa mattina alle 9 i test Pirelli riservati alle Superbike, Supersport e Stock 1000. In pista le Ducati Xerox, le Ducati Althea, Yamaha, Suzuki, BMW, Kawasaki, Aprilia, Honda Ten Kate e Honda Echo CRS, presenti inoltre Lascorz (Kawasaki SS600), il team Ten Kate supersport al completo, BMW Italia Stock 1000, Yamaha-France stock 1000 con Loris Baz, Zanetti con la Ducati 1198R del team SS Lazio, BMW-Garnier Stock 1000. Ben 26 piloti ad animare la giornata imolese. L’ingresso al circuito è GRATUITO e il pubblico pian piano attirato dal rombo dei motori si siede comodo sotto la tribuna coperta dinanzi al traguardo.

Come scritto nel titolo si sono riviste finalmente le Ducati ufficiali nelle 290620101995.jpgposizioni che contano, Fabrizio è stato sempre nei primi tre e Haga nel pomeriggio ha trovato un set up che gli ha permesso di realizzare il 4° tempo di giornata davanti ad un ritrovato Rea con la Honda. In testa Leon Haslam che ha picchiato tempi incredibili tutto il giorno, l’ inglese non vuole regalare neppure un punto a Biaggi ed è pronto a lottare con tutte le sue armi. Max oggi si è un po nascosto secondo me…e ha concluso 8°, il romano è uomo di esperienza e sa gestire benissimo sia il campionato sia i test, vedremo domani cosa deciderà di fare! Cal Crutchlow invece sembra essere molto a suo agio qui ad Imola, inizia la giornata lavorativa per ultimo rispetto ai suoi colleghi ma fa subito capire di che pasta è fatto (semmai ci fossero dei dubbi), realizza il 2° tempo e fa capire che prima della fine del campionato una vittoria vuole farla, magari proprio a Imola. Sykes porta al 10° posto la Kawasaki mentre Vermeulen è ultimo fra i piloti superbike presenti in pista.

Domani la seconda e ultima giornata, si inizia alle 9 del mattino e si chiude alle 18. L’ ingresso sarà gratuito esattamente come oggi.

175283036_5.jpg

SUPERBIKE: IMOLA-TEST 1° GIORNO, IL RISVEGLIO DUCATIultima modifica: 2010-06-29T20:22:00+02:00da markoytek
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento