MOTOGP: DOVE I GIAPPONESI FANNO IL REGOLAMENTO, PER VINCERE BISOGNA COPIARE I GIAPPONESI (A PROPOSITO DI DUCATI…)

di Marco Meli.

300136_304432619567846_111228482221595_1270635_1780164826_n.jpgNel 2000 la Honda, in WSBK, creò scalpore decidendo di correre con un V-Twin di 90° con cilindrata 996cc, numeri identici a quelli della Ducati 996 che allora correva e vinceva tra le derivate. Chiaro scopo della Honda era mostrare che il regolamento in superbike favoriva le moto bicilindriche e le Ducati in particolare.

Nel 2012 la Ducati restituirà il “favore” ad Honda. In motogp il regolamento, secondo alcuni (secondo molti in realtà…) è costruito su misura da Honda-HRC che ha da prima cancellato le 500GP a favore delle 1000 4T e poi le 1000 4T a favore delle 800 4T. 

La Casa di Borgo Panigale da quest’anno correrà con un telaio deltabox in alluminio e un motore 4 cilindri a V “stretto”, soluzioni tipicamente “Honda” (infatti Yamaha usa un 4 cilindri in linea) se vogliamo. Se la Ducati tornerà ad essere competitiva, sarà la dimostrazione che il regolamento, in motogp, è molto vicino al più grande produttore di moto al mondo?

Immagine.jpg

MOTOGP: DOVE I GIAPPONESI FANNO IL REGOLAMENTO, PER VINCERE BISOGNA COPIARE I GIAPPONESI (A PROPOSITO DI DUCATI…)ultima modifica: 2012-01-11T16:28:49+01:00da markoytek
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento