IN SUPERBIKE MOTORI DA QUALIFICA: DOVE SIAMO ARRIVATI?

IMG_3713.JPGEzpeleta non mi sta simpatico (ma a chi sta simpatico, su!) ma su una cosa ha ragione: la WSBK ha perso del tutto il suo spirito iniziale e deve ritrovarlo. Negli ultimi anni le derivate avevano raggiunto prestazioni degne delle MotoGP più lente con velocità di punta di 340km/h (!) in qualifica (Monza, Sykes, 2012).

Proprio sulla qualifica mi voglio soffermare, “voci di corridoio” dicono che team come l’Aprilia e la Kawasaki fossero solite usare speciali motori da qualifica (come si faceva un tempo in Formula 1) con potenze molto elevate, ad avvalorare questa ipotesi le incredibili prestazioni velocistiche proprio della RSV4 e della ZX-10R in prova, capaci di superare i 340km/h a Monza!

Ezpeleta parla di 39 motori a stagione per alcuni team, un dato buttato li ma che non è tanto distante dalla realtà se consideriamo che in WSBK il numero di test è illimitato quindi parliamo di una stagione intera fatta di week end di corse+test ufficiali+privati.

Le realtà delle WSBK sono così diverse che è impossibile per esempio dare un numero di motori massimo da usare durante la stagione: i motori v-twin 1200 che usa Ducati sono “meccanicamente” più fragili rispetto a V4 e V2 per esempio e quindi vanno cambiati con più frequenza.

Inutile anche limitare il costo, torniamo al discorso appena fatto: dato che i v-twin 1200 sono i più delicati di conseguenza sono anche i più costosi da curare.

Se da un lato è giusto limitare le prestazioni, dall’altro lato sarà impossibile mettere tutti in accordo. Ezpeleta non ci è riuscito con le 3 case che ha in MotoGP, ci dovrebbe riuscire con le 6 che ha ora in WSBK?

IN SUPERBIKE MOTORI DA QUALIFICA: DOVE SIAMO ARRIVATI?ultima modifica: 2012-10-12T20:54:25+02:00da markoytek
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento