WSBK: IL FUTURO DELLA SUPERBIKE? MENO MOTORI E MENO ELETTRONICA…MA

davies 2013 ghgh.jpgSuperbike come STK1000? No, non per il momento almeno. Il futuro regolamento delle derivate (che dovrebbe essere ratificato a Mosca il prossimo GP) punta chiaramente ad abbattere i costi ma senza snaturare il concetto attuale di Superbike.

Ci sarà un limite di motori stagionali (attualmente sono infiniti…) e si userà un elettronica meno evoluta (centralina unica? Elettronica di serie?) ma ci sarà libertà di elaborazione per la ciclistica (cosa che nella STK1000 oggi è molto limitata).

Dovrebbe arrivare un tetto al costo per le moto fissato in 300.000 euro. Lo scopo è avere più moto in griglia senza fare correre delle STK “pure” cercando di evitare l’effetto CRT tra le MotoGP.

Il regolamento sembra essere piaciuto alle Case, a Mosca ne sapremo sicuramente di più! A questo punto viene da chiedersi: Honda e Yamaha che stanno lavorando sulle loro nuove moto avranno un vantaggio rispetto ad Aprilia, BMW e Kawasaki che hanno investito tantissimo per vincere?

Fare un regolamento equo per tutti sarebbe stato impossibile e da qualche parte bisognava pur partire, la speranza è di non vedere partire le Case ufficiali.

WSBK: IL FUTURO DELLA SUPERBIKE? MENO MOTORI E MENO ELETTRONICA…MAultima modifica: 2013-06-30T23:59:50+02:00da markoytek
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento